lunedì 7 maggio 2012

#Librinnovando: quanto dovrebbe costare un ebook?

[Scusate la latitanza, rieccomi a quasi-concludere il bilancio dell'esperienza di #Librinnovando in attesa del mio battesimo del fuoco a #SalTo12... eh già, non ci sono mai stata :-)]


Quanto deve costare un ebook? Confesso di non avere in tasca nessuna formula magica per la risposta, tanto più che - come già detto in precedenza - tra biblioteche, regali, prestiti e download legalmente gratuiti - mi piace che sia sostenuto ogni mezzo possibile per favorire la libera circolazione della lettura a costo zero (e il fatto che abbia Dna genovese con una spruzzata di piemontese non centra assolutamente nulla XD). Tutto questo, si intende, parallelamente all'acquisto di buoni libri e buoni ebook, soprattutto per sostenere il talento e l'impegno di autori e case editrici meno blasonati ma non per questo meno interessanti.

Sul fronte ebook la questione del prezzo si fa molto più complessa, perché entrano in gioco i sempre più numerosi store che giocano su aste al ribasso in modi anche non troppo leciti (vedi in proposito la recentissima questione Apple & Antitrust, illustrata a Librinnovando da Giorgio Spedicato). Ammetto di non essere troppo ferrata in materia per dire la mia, ma una cosa è certa: non è mettendo tutti gli ebook a 0,99 € che si combattono crisi della lettura e pirateria. Il fatto che le spese di carta & inchiostro e di chi distribuisce i libri in libreria vengano meno, non significano che l'ebook sia un prodotto con meno valore del suo papà cartaceo. L'ebook è un prodotto che nasce dall'ingegno e dalla creatività di qualcuno, che qualcun altro ha impaginato in un certo formato e sul quale qualcun altro ancora ha deciso di investire.

Il fatto che sia in apparenza solo un file non vuol dire che debba diventare un porto franco della speculazione.

Per capire meglio la portata di questi argomenti vi rimando allo Storify dell'ottima analisi che ne hanno fatto i relatori della tavola Vendere ebook: il prezzo giusto.

7 commenti:

LaLeggivendola ha detto...

Uhm... da brava ligure comprendo il tuo punto di vista xD
Seriamente, io credo che il prezzo di un ebook dovrebbe calcolato sottraendo al prezzo del libro cartaceo distribuzione, libreria e spese di fabbricazione. Non so a quanto possa ammontare, ma dubito che possa essere sopra i 5-7 euro. Quando vedo ebook a 13 euro mi cascano le braccia...

Marta Traverso ha detto...

Credo che la questione sia molto più complessa del "procedere per sottrazione", perché impaginare un ebook richiede competenze e lavoro differente dal cartaceo e non si può non tenerne conto.

Concordo con te sul fatto che il prezzo dovrebbe comunque essere tenuto al di sotto di una certa soglia!

Gigi81 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Veronica Mondelli ha detto...

Quando ho pubblicato il mio libro in formato e-book, il suo prezzo era 4 euro, due per me e due per l'editore. Il cartaceo, invece, aveva un prezzo di copertina di 12 euro...
Credo che 4 euro sia un prezzo più che ragionevole. In fondo, con l'ebook moltissimi costi si azzerano. Per l'impaginazione non c'è neppure bisogno di adottare misure troppo estreme come per il cartaceo, perché viene meno la rilegatura. Inoltre, con un clic si può creare un pdf, un lit o un epub, per realizzare i quali ormai esistono software professionali opensource. Anzi, direi che forse i costi potrebbero essere ulteriormente più bassi, non tanto perché in produzione vengono abbattuti, ma soprattutto perché chi acquista un iPad, un tablet o un ereader non può trovarsi di fronte un ebook a prezzi esagerati, o finirà per preferire il cartaceo. L'unico problema è la realizzazione dei DRM, secondo me praticamente inutili - sia perché si trovano i sistemi per aggirarli, sia perché eliminano quasi del tutto libertà concesse al cartaceo: fotocopia (15%) e prestito.

Marta Traverso ha detto...

@Gigi81: ti assicuro che 10 € è un prezzo davvero eccessivo, a meno che l'ebook non abbia particolari caratteristiche che hanno richiesto una mole di lavoro superlativa (illustrazioni, app, eccetera)

@Veronica: pienamente d'accordo, soprattutto sulla questione dei Drm.

Antonio ha detto...

Ero presente anch'io a Librinnovando e sono rimasto perplesso quando qualche editore ha spiegato che l'IVA, applicata in pieno invece che al 4%, costituisce uno dei motivi principali per cui gli ebook continuano ad avere prezzi davvero troppo alti, ovvero solo di poco inferiori al corrispettivo cartaceo. Non sono un esperto di economia, ma sinceramente mi sembra una balla. La stessa balla con cui l'industria discografica prima passando dal vinile al cd e poi dal cd agli mp3 ha continuato a proporre prezzi esagerati, scavandosi la fossa. Gli editori faranno probabilmente la stessa fine.
Anch'io credo che un ebook, salvo casi particolari (vedi contenuti multimediali, più volumi racchiusi un unico file ecc.), non dovrebbe mai costare più di cinque euro. Almeno è la cifra massima che sono disposto a spendere senza sentirmi frustrato. D'accordo con voi anche per la questione del DRM: davvero un soluzione ridicola.

Marta Traverso ha detto...

@Antonio: anche io sono poco esperta di economia, ma in linea generale la penso come te.

Grazie di essere passato di qui! :)