mercoledì 19 ottobre 2011

aNobii, Goodreads e case editrici: il mio intervento a Librinnovando


Come ormai vi ho preannunciato fino alla nausea, il prossimo 25 novembre siederò a un simpatico tavolo rotondo con quei simpaticoni di Noemi Cuffia, Arturo Robertazzi, Marco Dominici, Marta ManfiolettieFFe, Silvia Surano e Gabriele Alese per una chiacchierata tra books blogger su passato, presente e futuro dell'editoria nel corso della giornata di Librinnovando.

La sottoscritta vi tedierà in modo molto particolare sul ruolo dei social network letterari per gli editori. Ovvero: perché mai una casa editrice dovrebbe avere un account su aNobii e/o Goodreads?


Per rispondere a questa domanda ho formulato un questionario in quattro domande, che sintetizzano come, quanto e perché un editore usa (o dovrebbe usare) questi social network. A partire da lunedì e fino a metà novembre circa leggerete qui i contributi che ho ricevuto.

Approfitto di questo post introduttivo per citare i nomi di chi mi ha aiutata in questa esperienza e per ringraziarli uno a uno.

Case editrici:
Baldini Castoldi Dalai Editore
Ediciclo
Iperborea Edizioni
Intermezzi Editore
Marco Valerio Edizioni
Quintadicopertina
Voland


Blogger et similia:
Cecilia Nono
Davide Giansoldati
Elisa Sanacore
Marco Freccero
Mauro Sandrini

2 commenti:

Jigen ha detto...

Ediciclo Editore e Iperborea… altrimenti ci mettiamo a pubblicare libri di viaggi in bici solo nelle terre del Nord! :-)

Luca

Marta Traverso ha detto...

Decidi tu... o mi sono dimenticata di premere Invio o ti stavo implicitamente suggerendo una nuova collana :-)