mercoledì 29 dicembre 2010

Il mio 2010, i miei blog, la mia vita

Non sono un gadget. Non ho un QR Code sulla fronte perché un'app qualsiasi decifri l'algoritmo della mia identità. Tutto ciò che ho per definire me stessa è qui dentro. E neppure mi basta. Questo blog è il pezzo di legno (se ha un nome, lo ignoro) che tiene uniti all'estremità i fili della mia persona, e li tira e li allenta secondo il suo capriccio.

A 5 anni non mi accontentavo di parlare e giocare con il mio amico immaginario, come fanno molti bambini. Ho scritto la sua storia e quella della sua famiglia su un diario dalla copertina azzurra. Si chiamava Celeste, ma era un maschio. Già allora sapevo che ero destinata alla scrittura.

Negli anni ho tenuto diari e quaderni. Ho scritto racconti che nascondevano urla di dolore, pianti sussurrati e richieste di aiuto. Racconti che celvano la libertà che sognavo per me stessa.

Mi credevo sfigata perché passavo tante ore a scrivere, mi piaceva studiare e mi ponevo troppe domande su me stessa
. Lo faccio ancora adesso, ma ora so che va bene così. Mi credevo sfigata, e in quanto tale mi privavo del piacere di comprare vestiti, mangiare fuori, ridere di niente e leggere riviste. Ora vivo tutto questo e sono felice. Il vero sfigato è chi si priva della libertà di essere se stesso, quando al mondo ci sono così tante persone che vedono questa libertà portata via da mani altrui.

Ho aperto un blog, ne ho aperto un secondo. Giorno dopo giorno cerco di imparare a viverlo. Quando ho sentito di aver salito i primi gradini, ho scelto che il blog diventasse anche un lavoro. Giorno dopo giorno cerco di imparare le sfaccettature del quid che rende un blogger diverso da un giornalista. Qualche altro gradino, e ho sentito di aver capito qualcosa in più. Cercare su Google l'espressione creare un blog significa addentrarsi nel Seo, nell'imprenditoria, nel guadagno. Non creare un blog, quindi, ma creare un blog per guadagnarci sopra.

Quell'abc che ho imparato passo dopo passo ho voluto trasmetterlo agli altri. Dal diario con la copertina azzurra, la mia carta d'identità si è evoluta in una manciata di byte. Io bloggo.

Dalla d in poi, è tutto ancora un mistero.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Gran impegno e gran fatica essere e vivere da persone libere...! Per ognuno di noi la parola "libertà" assume significati diversi a seconda di ciò che vogliamo raccontarci...!
Non buttare mai il tuo quaderno azzurro...è il primo testimone dei tuoi sogni e delle tue verità! mari

Marta Traverso ha detto...

:-)

Vince Symo ha detto...

Che belle parole, vere! ;) Soprattutto; "Il vero sfigato è chi si priva della libertà di essere se stesso, quando al mondo ci sono così tante persone che vedono questa libertà portata via da mani altrui."
Sono blogger e giornalista freelance da tempo, posso capirti benissimo. :)

Bel post!
Vince

Marta Traverso ha detto...

Grazie Vince, di cuore!

Occhi di Notte ha detto...

Siccome l'argomento mi interessa molto ho cercato di ampliare anche sul mio blog. Aspetto le vostre opinioni, quando avete tempo. Intanto Buon Anno!