mercoledì 9 marzo 2011

Comunicare con Twitter (Luca Conti)

Luca Conti è stato uno dei primi utenti Twitter in Italia, ed è l'autore di un libro fondamentale per chiunque voglia approcciarsi a questo social network.

Se state leggendo questo post pensando ma sì, Twitter in fondo è usato pochissimo, Facebook è molto più frequentato sappiate che state cadendo nel tranello che coinvolge tutti coloro che (s)parlano di Twitter senza avervi mai messo piede.

Lo dico a ragion veduta, perché anche io la pensavo così. Ho un account Twitter da diverso tempo, che ho usato soprattutto come cassa di risonanza per i post di questo blog e degli altri per cui scrivo, riservando a Facebook le maggiori attenzioni sul piano della socializzazione. Mi è bastato leggere le prime pagine per invertire la rotta.

L'aspetto di Twitter che più mi fa impazzire è la totalità che nasce dalla semplicità. Senza i mille fronzoli di Facebook, senza giochi, pagine, biscotti della fortuna e fattorie, Twitter permette una comunicazione a 360° nello spazio di 140 caratteri. Inviare i propri messaggi, anche corredati di link (con il supporto di accorciatori come goo.gl), foto e video (grazie a Twitpic). Retwittare i messaggi di un altro utente, una funzione paragonabile al Condividi di Facebok. Scrivergli pubblicamente o in privato, tramite i @tag. Introdursi nel flusso di conversazioni relative a uno specifico argomento grazie agli #hashtag.

Il suo essere ancora poco diffuso in Italia lo rende uno strumento ancora più importante, perché la nicchia di utenti che lo frequenta abitualmente è molto attiva e determinata a condividere contenuti, con un minore rischio di perdersi nel mare di utenti che accedono ai social network per scopi puramente ludici.

4 commenti:

Carolina ha detto...

io mi ci sto sperimentando in questi giorni. Solo da una settimana, circa, ho aperto l'account e devo ancora capire come funziona... Sempre molto interessanti i tuoi spunti!

Francescast.84 ha detto...

ma lo sai che io sono iscritta ma ancora non ho capito la sua reale funzionalità ... + che altro perchè la sua semplicità in realtà in cosa consiste? non mi sembra di riuscire a comunicare con gli altri come realmente vorrei, infatti lo uso talmente poco e come te lo uso come cassa di risonanza per i miei post. però non so di cosa farmene. mi sono iscritta solo perchè ne ho sentito parlare e non volevo essere da meno :P

Marta Traverso ha detto...

@Carolina: grande! Poi dimmi il tuo nick così ti seguo!

@Francesca: la pensavo esattamente come te finché non ho letto il libro.. osa paradossalmente uso molto di più Twitter per comunicare rispetto a Facebook, proprio perché senza i fronzoli di giochi e app varie c'è una diretta interazione, basta mettere i vari @tag per fare delle belle chiacchierate! :)
Senza dubbio è molto di nicchia, c'è (almeno in Italia) poco spazio per il cazzeggio fine a se stesso e molto per discorsi più legati a mkt, comunicazione ecc..

piccole felicità ha detto...

Condivido la tua analisi su Twitter e, sinceramente, spero che resti così!